L'UOMO E LO SCIENZIATO

RAFFAELE BENDANDI

(Faenza 1893- 1979)

"La natura coi suoi profondi insegnamenti mi additò che nulla, assolutamente nulla, avviene a caso nell’universo; ma che tutti i fenomeni che osserviamo non rappresentano che le note isolate di una grandiosa melodia che riempie lo spazio dei suoi accordi. E questa armonia perenne – di cui Pitagora affermava di udire il ritmo grandioso – mi avvinse e mi colpì fin dalle prime osservazioni." (dai suoi scritti).

Queste le parole che accompagnarono ogni istante della vita di Raffaele Bendandi e che furono per lui monito e stimolo continuo a ricercare, provare, verificare quanto osservava.

Nacque a Faenza il 17 ottobre 1893 da modesta famiglia di lavoratori: le scarse disponibilità finanziarie non gli permisero studi superiori e arrivò solo alla sesta elementare, poi lavorò presso un negozio di orologiaio e da intagliatore. L’esperienza acquisita gli permise, in seguito, di realizzare strumenti di precisione come i sismografi e i disegni dei parallelogrammi delle forze.

Nel 1917 si trovava mobilitato presso una squadriglia dell’alto Adriatico, in zona di guerra; amava appartarsi, nei rari momenti di riposo, per contemplare la natura nelle sue grandiose manifestazioni e a meditare i suoi profondi insegnamenti. E’ da questa meditazione, da questo scoprire il moto ondoso, l’attrazione luni-solare che si creano le motivazioni

per uno studio attento, scrupoloso e metodico dei fenomeni naturali in genere ed in particolare dei terremoti ...

"Fremente come la corda armoniosa di un suono simpatico, l’anima mia ascoltava senza intendere, contemplava senza vedere e si chiedeva sbalordita qual fosse mai la genesi formidabile di quella ritmica e possente fluttuazione del mare" …

In queste parole la chiave della teoria di Bendandi, la soluzione a tutti i suoi interrogativi e la verifica di tutti i suoi esperimenti ...

"La dolce ma irresistibile forza dell’attrazione, che allaccia con le sue catene magnetiche tutti i mondi facendo sì che ciascuno di essi resti sotto l’influsso costante della sua impenetrabile armonia, doveva col flusso e riflusso, offrirmi il filo conduttore che mi ha portato alla luce" ...

Bendandi, dopo anni di lavoro, può affermare che i terremoti non sono altro che scricchiolii dell’impalcatura terrestre determinati dal variare della tensione gravitazionale esercitata dalla luna e dalle altre masse planetarie sul nostro pianeta.

I principali risultati conseguiti nelle sue lunghe indagini sono quelli relativi ai terremoti: può asserire che hanno una origine cosmica. Fonda nel 1915 un primo Osservatorio geofisico con i suoi strumenti, che più tardi costruirà e sistemerà in diverse Università americane.

Nel suo Osservatorio studiava e conduceva anche ricerche di Astronomia, Geofisica, Magnetismo ed in particolare scoprì la genesi del ciclo undecennale del sole e dell’attività delle sue macchie, eruzioni, protuberanze, che tante ripercussioni hanno sul nostro pianeta.

Secondo Bendandi tutte queste manifestazioni terrestri e solari sono causate da uno squilibrio gravitazionale prodotto dalla somma delle attrazioni planetarie :"l’Uomo dei terremoti" era in grado di prevedere con grande anticipo questi fenomeni, cosa fino ad oggi non raggiunta da nessuno.

Ulteriori indagini sopra le influenze planetarie gli permisero di scoprire che oltre Nettuno e Plutone gravitano altre quattro masse planetarie di cui determinò gli elementi caratterizzanti(massa, moto di rotazione e rivoluzione).

Allargò il campo delle sue ricerche anche ad un ambito nuovissimo e rivoluzionario, per quei tempi, quale quello delle influenze cosmiche: trovò che il sole con le sue molteplici radiazioni è il regolatore supremo di tutta l’attività planetaria e rappresenta la causa determinante e regolatrice di ogni processo fisico, elettrico, magnetico, atmosferico, biologico e patologico. Esiste, secondo Bendandi, una influenza solare predominante sulla salute degli organismi umani ed una spiccata influenza sulle cellule cerebrali degli esseri deboli, dei tarati che, in concomitanza di crisi cosmiche, diventano oltremodo pericolosi.

Gli interessi di Bendandi sono stati molteplici e tutti affrontati con dedizione e serietà: molte delle sue energie le concentrò, nel periodo tra il 1922 e il 1930, allo studio dei terremoti ed alla loro previsione, ma il mondo accademico mai accettò il suo sapere e sconfitto nello sforzo di dimostrare le sue argomentazioni, si chiuse in un muto silenzio.

Pubblicò a sue spese il volume "Un Principio Fondamentale dell’Universo" nel luglio del 1931 e nella prefazione ancora un accorato appello perché il lettore capisca il suo lavoro ... "la certezza di porre una pietra miliare sulla via dell’Umana Conoscenza- a gloria d’Italia, a beneficio dell’Umanità- fu quel raggio di luce divina che, fugando ogni tenebra di sconforto, sempre mi rianimò e sorresse nel lungo cammino della ricerca, nel quale solo incoraggiamento mi fu l’avversità di uomini e cose" …

Non sono mancati riconoscimenti al suo operato quali la nomina a membro della Società Sismologia Italiana, membro della Accademia Torricelliana di Scienze e Lettere, a Cavaliere Ufficiale al merito della Repubblica Italiana.

Nel 1968 riceve la nomina e premiazione a "Faenten sota la torr" e in quella occasione comunica la sua scoperta del nuovo pianeta a cui dà il nome "Faenza".

Faenza lo annovera fra i più illustri cittadini.